Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog
22 marzo 2009 7 22 /03 /marzo /2009 19:56
Repost 0
maria attanasio
scrivi un commento
21 marzo 2009 6 21 /03 /marzo /2009 23:52

In memoria di tutte le vittime delle varie mafie

 

21 marzo 2009

 

I morti non si contano

poco si ricordano

magistrati e scorte

uomini dabbene

di ogni ordine e grado

e tanti altri ancora

strisce di sangue

sulle impalcature

nei viadotti e nelle cave

per vicoli e cortili

scia indelebile

di vergogna indegna

scritta a lettere cubitali

sullo stivale.

 

Tinti Baldini

Repost 0
maria attanasio
scrivi un commento
21 marzo 2009 6 21 /03 /marzo /2009 00:03

Romantica
Fra le pareti coprenti della notte
sempre m'accingo a non far nulla
a starmene accosciata
sull'incorporeo mio doppio
che rimane desto quando
tutti gli altri non possono vedermi.
Un attimo intontita
in parte delusa dal sole
ho calma apparente,
un ribollio soltanto
affiorato pigro dall'anima
tradisce ogni mia fibra,
compiace schiena e lombi
un lento sensuale turbamento.
So venire così il suo pensiero
scoccando pieno e rotondo
malizioso talvolta
come di Selene il raggio
nell'ore brinate degli amanti.
Fisso allora il tacito riflesso
e su quello m'incammino da sempre
per volargli incontro.

 

Daniela Procida

 

Repost 0
maria attanasio
scrivi un commento
20 marzo 2009 5 20 /03 /marzo /2009 00:04

 

 

 

Finirà tutto

Questo passeggiare della gente

Quasi tutte intenti  ad un’occupazione

Che non lascia spazio ad altri intenti

Questo esultare per un goal che non faremo mai

Questo piangere per il dolore degli altri

Questo mettere in mostra sentimenti ed ambizioni

Questo ingrassare questo dimagrire

Questo cercare corpi o soltanto sguardi

Per un amore inesistente.

Finirà tutto

Questo alternarsi di stagioni irriconoscibili

Questo raccogliere castagne d’Autunno

Questo scaldarsi le ossa al sole

Questo mostrarsi eternamente giovani

Questo giudicare per non essere giudicati

Questa arroganza madre di ogni violenza.

Finirà tutto

L’eco di una risata lontana

Il pianto di un bambino affamato

La pelle tirata sugli zigomi di troppi uomini

Questa mancanza eterna di risposte

Questo amore non corrisposto ed inspiegabile

Questa ricchezza apparente

E la povertà d’animo lampante

E baci e abbracci

E tutti a suonare  cantare ballare

Sulla tomba di qualche nemico ingombrante.

Finirà tutto

Questo mare che va e viene

Questo sole troppo caldo e forse sempre più vicino

Questo mostrarsi vecchio

E credersi bambino nel mondo

Questo Natale questa Pasqua senza resurrezione

Questo concepimento di un’illusione di vita

Questo rumore che penetrerà infine il silenzio

Questo eterno cercare dove nidificare in pace

Confluirà  tutto in questo moto perpetuo

Di  pioggia terra e pane e braccia e mani e bocche

E occhi e lacrime e carezze

In questo alternarsi di bene e male

Tutto finirà per ricominciare

Io forse saprò finalmente dove andare.

 

(ispirata umilmente alle poesie

di Nelo Risi)

 

Maria Attanasio

Repost 0
maria attanasio
scrivi un commento
19 marzo 2009 4 19 /03 /marzo /2009 22:34
Grazie a Tinti che ha sostenuto la mia idea di pubblicare poesie di Daniela e mi ha dato l'imput per iniziare a farlo.
Grazie a Cristina che mi è sempre vicina e mi ha creato un link nel suo seguitissimo blog.
Grazie a Beatrice che mi inonda della sua dolcezza ed ho scoperto che nelle sue Tracce d'infinito,c'è anche il mio link.
Grazie a Gioia che viene a trovarmi ed ha un blog suo strepitoso e molto frequentato.
Grazie a Massimo,gentiluomo che da lontano sembra vegliare benevolo su tutti noi.
Grazie a Pino che mi ha dato il permesso di pubblicare le poesie della sua Daniela.
Grazie a tutti,sempre,Maria Attanasio
Repost 0
maria attanasio
scrivi un commento
19 marzo 2009 4 19 /03 /marzo /2009 08:38

Gioia

 

Ovvia poesia

scriver

di passeri

in ciangottio

eppur li sento

e fuori

e dentro

m’appartiene

il canto.

 

Daniela Procida

Repost 0
maria attanasio
scrivi un commento
18 marzo 2009 3 18 /03 /marzo /2009 21:53

Ho avuto dal marito di Daniela Procida,il permesso di pubblicare alcune poesie tra l'altro già presenti sul sito Poetare e Nel Giardino dei Poeti,sul mio blog.
A breve sarà pubblicato un libro che raccoglie le poesie di Daniela .
La mia intenzione è quella di continuare a tenere viva l'attenzione sull'opera di Daniela,almeno nel mio piccolo.
So che Lei è sempre presente nella memoria degli amici di Poetare e del Giardino,la sua assenza è assordante così come era prorompente la sua presenza,la sua voglia di vita,il suo amore per la vita riempe ogni suoi verso,per questo nulla può mitigare la rabbia scaturita dalla sua perdita in me.

Rabbia per una madre che ha seppellito una figlia giovane,per una bambina che crescerà senza madre,per uno sposo devoto travolto da un destino di solitudine che non aveva immaginato.

Daniela era solare,a volte malinconica,sicuramente dolce,mi manca tutto quello che avrebbe potuto essere la nostra amicizia se avessimo avuto tempo,se Daniela avesse avuto tempo.

Maria Attanasio

Repost 0
maria attanasio
scrivi un commento
18 marzo 2009 3 18 /03 /marzo /2009 00:04

 

 

Nessuno me lo ha detto mai

Con quanti nomi chiamai la disperazione

Quando non avevo niente

Ma anche quel niente aveva diritto ad un nome

E a tutta la mia comprensione

Come uno che sa da che parte andare e và tranquillo

In fondo ad un bicchiere

O lungo corridoi d’agonia avanti e indietro

Ah,se solo avessi un euro per tutte le volte

Che mi son sentita sola

Potrei girare il mondo ed essere straniera

Dentro gli occhi di un’altra madre

Disposta a sopportare i miei errori

Portandoli al collo come trofei

Questi pezzi immondi della mia vita

Queste esperienze nuove che mi portano

Ancora in fondo ad un pozzo

A scavare.

Nessuno me lo ha detto mai con quali nomi

Ti chiamai l’ultima notte

Per poi lasciarti andare via senza più lacrime

Con fuoco sacro in fondo agli occhi

E tutte le promesse che ti ho fatto dopo

Quando più nemmeno potevi sorridere

Della mia debolezza.

 

Maria Attanasio

Repost 0
maria attanasio
scrivi un commento
16 marzo 2009 1 16 /03 /marzo /2009 00:01

Ma la mia vita

 

 

Ma di chi è

la mia vita?

se credessi non

apparterrebbe a Dio

che ama e non vuole

farci soffrire inutilmente

se fossi mare apparterrei

alle acque del mondo

se fossi gazza o gabbiano

al cielo alla terra alle sabbie

del deserto

e la mia vita

al momento d’uscire

è ancor più mia

come non mai

e allora ne voglio

essere padrone

e lasciare i miei cari

con un bel sorriso.

 

Tinti Baldini

Repost 0
maria attanasio
scrivi un commento
14 marzo 2009 6 14 /03 /marzo /2009 00:02

Noi

 

 

 

Accollati al dolore

Senza respirare

Non dureremo a lungo

 

Basterà  l’amore

Ad incarnare nel tempo

La  nostra immagine migliore

 

Resteremo così

Io e te

A ringiovanirci gli occhi

 

 

Come per caso

Parleremo di noi

A noi.

 

 

 

 

Maria Attanasio

Repost 0
maria attanasio
scrivi un commento

Presentazione

  • : Blog di Maria Attanasio (di Napoli)
  • Contatti