Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog
2 marzo 2009 1 02 /03 /marzo /2009 17:49

 

 

 

Soffice sul cuore

leggero dolore

al margine delle linee

sulla mia mano,

amore ti chiamavo la notte

ed  al mattino eri già in strada

a raccogliere i cocci

di quello che credevo fosse il mio sogno.

Velo sugli occhi amore,

io non so più chi sono e chi sei

ma conto i passi che ci separano

ed i minuti che basterebbero a raggiungerti

se fossi possibile da individuare

in mezzo alla folla che non mi commuove.

 

 

Maria Attanasio

Repost 0
maria attanasio
scrivi un commento
28 febbraio 2009 6 28 /02 /febbraio /2009 23:06

Girando sui blog che visito di solito,ho notato che è uso farsi pubblicità,anche perchè del resto i blog anche a questo servono.
Tanto vale confessare subito ai miei tre fedeli lettori che ho peccato di presunzione  mi sono fatta stampare dalla casa editrice www.ilmiolibro.it ,due libri.
Il primo si intitola Bestemmie e Preghiere ed è stato stampato nel 2008;
il secondo libro è stato stampato in questi giorni e si intitola  Giochi in specchi d'acqua.
Ho fatto questa scelta perchè è l'unico modo di pubblicare almeno per me,semplice e divertente.

Chiunque è interessato può collegarsi al sito.
Grazie,Maria Attanasio

Repost 0
maria attanasio
scrivi un commento
27 febbraio 2009 5 27 /02 /febbraio /2009 22:39

 

 

 

 

 

Un giorno chiuderemo porte e finestre

il mondo lì fuori non saprà più nulla di noi

per un po’; il tempo di dirsi tutto

almeno quel poco che resta da dire

dopo tanto tempo insieme

le mani si riconoscono e gli occhi

già sanno quando l’altro ride.

 

Maria Attanasio

Repost 0
maria attanasio
scrivi un commento
26 febbraio 2009 4 26 /02 /febbraio /2009 18:45

                                         

 

 

 

 

 

 

L’innocenza delle mani

del figlio crocifisso

al peccato del mondo

mi delude,

 

io non ho più lacrime

non ho rimorsi

la vita mi assolve

da ogni colpa,

da ogni odio.

 

L’ispirazione del poeta

è diabolica o divina?


Maria Attanasio

Repost 0
maria attanasio
scrivi un commento
25 febbraio 2009 3 25 /02 /febbraio /2009 11:35

 

  

L’impronta del seno protesa a formare colline

bruciate dal sole e dagli uomini,

l’orma morbida del corpo

attraversata da un sudore leggero

e gli occhi chiusi a celare i segreti dell’anima,

i denti stretti nella bocca chiusa

come a frenare desideri nascosti

io mi guardo dall’’alto

e cerco le mani

                                                       che nel giorno hanno preso e dato

come il fiume si dà al mare

correndo felice.

 

Maria Attanasio 

 

5/90

Repost 0
maria attanasio
scrivi un commento
24 febbraio 2009 2 24 /02 /febbraio /2009 11:55

 

  

 

 

Dobbiamo vivere

Mischiare le carte ogni tanto,

aspettare una mano vincente.

Il coraggio a volte manca

E le sere si perdono in niente.

Io avevo il cuore grosso

Ma ci ho dormito sopra

Sperando che il sonno

Non portasse incubi,

ho aspettato un giro di carte truccate

per vincere almeno un volta.

C’è stato un tempo in cui

Ogni partita era vincente

Ma ho continuato a giocare

Sfidando la sorte

E quando la sfortuna arriva

Sei sempre in gioco

Ma non hai più voglia

Di tentare ancora.


Maria Attanasio

Repost 0
maria attanasio
scrivi un commento
23 febbraio 2009 1 23 /02 /febbraio /2009 00:11

 

  

Ho visto dio

Aveva i tuoi occhi buchi neri in divenire,

aveva le tue mani che tentavano di afferrare il nulla

che è tutto il tuo essere nel buio liquido in cui galleggi,

e fai smorfie che non distinguo

a tratti  sembra che ti addormenti

e fai giri su te stesso come per nascondere il sesso

perché sei maschio e femmina,

sei futuro e passato e quest’attimo presente

che ti fa vivo in questo stesso istante

in cui ti ho visto dio nell’uomo che sarai.

 


Maria Attanasio

Repost 0
maria attanasio
scrivi un commento
22 febbraio 2009 7 22 /02 /febbraio /2009 00:16

 

 

 

 

Mi hai detto

-tu ora mi vedi così gonfia e spettinata

ma io di solito mi trucco,passo l’ombretto

un filo di rimmel poi il rossetto-

ma no ,rispondo ,io ti conosco bella di parole

con quella voce che hai che sembri nordica

ed invece sei come me di sole e mare

che siamo cresciute con la voglia di cambiare

con padri cattivi e simili

(possano conoscere l’Inferno da vivi)

e libri letti in fretta e versi di traverso

a cambiarci la giornata ,ed una musica

che ci ricordava la gioventù in fondo ancora così vicina.

Mi dici-io devo tornare ad impastare torte

ed a cercare improvvise parole,chissà

se è un bene questo prurito improvviso dell’anima

che si mette a sporcare fogli e quaderni che trovo per casa,

questo diverso sentire che gli altri non vogliono capire.

Ma no,rispondo,vedrai che è solo una pausa

tutto questo dolore forse serve da riflessione

è come se la vita dicesse:adesso fermati a pensare!

E tu hai detto –sì voglio cambiare,voglio essere più leggera

scrivere senza pensare al verso giusto che forse non esiste

oppure è già stato scritto e l’ha soffiato via il vento.

Adesso noi siamo nel vento,

ti ho detto ci vediamo presto non lo sapevo

ma stavo mentendo.

 Maria Attanasio

 

X D.P(col cuore a pezzi,pur sempre un cuore) 

Repost 0
maria attanasio
scrivi un commento
21 febbraio 2009 6 21 /02 /febbraio /2009 10:50
Gustatevi il sole
lasciatevi cullare dal rumore delle onde
coltivate la vostra amicizia come fosse un fiore
e poi non coglietelo
ma lasciatelo vivere nel vostro cuore
perchè continui a fiorire nella diversità dei giorni
protetto dal dolore dalla fatica
dal rimpianto.
Fate che il suo profumo arrivi in ogni dove.

Maria Attanasio
Repost 0
maria attanasio
scrivi un commento
20 febbraio 2009 5 20 /02 /febbraio /2009 11:17

 

 

 

 

 

 

Uscire da me mettermi a cantare

Danzare su pezzi di cuore infranti

Come pezzi di specchio caduti con milioni

Di immagini di cielo riflesse

Milioni di occhi che mi guardano

E devo fingere bene dare un’altra occasione

A chi mi ha dato fiducia ed un gesto d’amore

Anch’esso riflesso in quello che ora sono con quest’altra occasione

Di  ricominciare con l’amore e la fede

Volare basso ma comunque volare

Affrontare il mare barca di me stessa polena a nuova immagine di me

Che non posso non vedere nelle parole

Messe una dietro l’altra nere sul bianco bello delle pagina

Soffiate via come cenere dalle mani

Quello che resta delle mie ambizioni

È ridere ancora con bocca fresca e nuova

Di questa vita che è  la mia vita

Ché ho giocato sempre facendomi promesse

Che sapevo di non poter mantenere

Uscire da me mettermi a danzare

Parole come giochi in specchi d’acqua

Che posso immaginare

Inventarmi storie e amori dal niente

E pagare se c’è da pagare.

 

Maria Attanasio 

Repost 0
maria attanasio
scrivi un commento

Presentazione

  • : Blog di Maria Attanasio (di Napoli)
  • Contatti