Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog
14 febbraio 2009 6 14 /02 /febbraio /2009 11:05

 

 

 

 

 

 

Di foglie e di vento

di mare di riva

di inchiostro e di fogli

di seme di frutto

di sorriso e risata

pianto a cascata

di inverno e di sole

di figli e sbadigli

di fuoco e cristallo

di diamanti e pattume

di gocce di pioggia

e mani giunte

di Figlio e Padre

di chiodi e di croce

di sangue e carne

di poesia di canto

d’amore e di Madre

e di quant’altro si vive

che ancora non so.

 

Maria Attanasio

 

 

 

Condividi post

Repost0
13 febbraio 2009 5 13 /02 /febbraio /2009 00:12

 

 

 

 

Lasciatemi andare

avrò ancora sorrisi per voi

fermerò il vento tra le mani

e non lo saprete mai.

 

Lasciatemi andare

sarò respiro leggero tra i vostri capelli

vi guarderò mangiare e bere,

riderò con voi.

 

Lasciatemi andare

sono già lontano carne e sangue,

amore ed odio , tutto con me

senza di me.

 

Maria Attanasio

Condividi post

Repost0
12 febbraio 2009 4 12 /02 /febbraio /2009 13:12

Aveva

 

Aveva chiesto

di parlare piano

per riposare

e voi avete urlato

trombe e pernacchie.

 

Aveva chiesto

di toccar le nuvole

accompagnata da un canto

e voi avete stonato.

 

Aveva chiesto amore

quello che arriva in fil di voce

e voi avete odiato.

 

Tinti Baldini

Condividi post

Repost0
11 febbraio 2009 3 11 /02 /febbraio /2009 09:55

 

 

 

Tra cielo e terra

Granello di sabbia

Goccia di pioggia

Alito di vento

Foglia già caduta

Ramo proteso al sole

Padre e Madre

In attesa

Uccello senza gabbia

Libero in volo

Specchio rotto senza sfortuna

Passo svelto di un ritorno

Buono nella notte

Ed è paura

Pianto di sgomento

Scala senza gradini

Bibita gassata poi

Vino d’annata

Volterra al tramonto

I versi di Hikmet

Di Pessoa di Neruda

Il dolore di Ungaretti

Poi  Lorca

E tutti gli Amici

Se vi portassi con me

Tra cielo e terra

Margherita e petalo

Pesce rosso sono

In anfora di vetro anch’io

E libri su altri libri

E quaderni bianchi

Figli recalcitranti

Amante svuotato

Venite via con me

Tra cielo e mare

Lingue di fuoco

Ancora per poco

Stringo la mano al nemico

E Voi venite via con me.

 

Maria Attanasio

 

 

 

Condividi post

Repost0
10 febbraio 2009 2 10 /02 /febbraio /2009 10:47

 

 

 

 

Possono gli occhi vagare dove vogliono

Le notizie spolpano il dolore

Femmine e maschi teste vuote

E moti di passione e sdegno

E non sappiamo più dove nasconderci

Lacrime di paura ci solcano il viso

Le migliori di noi lasciano che il rimmel si sciolga

Poi raccolgono i pezzi di un sorriso

Si ricomincia da questo sgomento

Da questo nuovo dolore.

 

(ispirata ad una e-mail

che mi ha inviato Tinti,

di questo e molto altro

le sono debitrice)

 

Maria Attanasio

Condividi post

Repost0
9 febbraio 2009 1 09 /02 /febbraio /2009 22:26

 

 

 

 

 

Nessuno squarcio all’orizzonte

Eppure ti vedo come sei

Come sei stata

Rivedo gli occhi tuoi

Alla fine

Profondi pozzi di dolore

Dove si specchiava la mia

Impotenza

E quella donna figlia

Che ero stata insieme ai miei fratelli

A prenderti la vita a brandelli

Perché i figli fanno così

Senza vera cattiveria

Ti rubano le ore dei giorni

Anche quando le offri a piene mani.

Il mio orizzonte è la vita che mi resta

Un giorno ancora e poi un altro

In una solitudine che non fa paura

Se ripenso agli occhi tuoi

Mai rassegnati nemmeno quando

Non ti ha presa la morte

Ma sei stata tu a lasciarti andare.

 

(alla mia mamma,donna forte

Che riusciva almeno per me

Ad essere poesia)

 

 

 

Maria Attanasio

 

Condividi post

Repost0
9 febbraio 2009 1 09 /02 /febbraio /2009 16:54

Tre stanze in affitto e il bagno in strada

 

 

Tre stanze in affitto e il bagno in strada

Vedevi il mare da un balcone

L’orizzonte conosciuto al limitare della sera,

il tuo volto riflesso sui vetri.

 

Avevi due mani e due occhi, un cuore solo,

un sorriso per le grandi occasioni.

E’ Domenica ! fate silenzio, è un giorno speciale

Fanno rumore solo i nostri pensieri.

 

Una sirena scandisce i nostri tempi e desideri,

il nostro universo tanto grande

da stare in una mano sola, la tua.

I panni distesi al vento, la nostra Libertà.

 

Hai visto passare la vita nei nostri occhi,

in bianco e nero come nelle poche foto sbiadite

conservate in un cassetto. Stanno li a ricordare

che la vita è passata, e l’hai lasciata andare.

 

Abbi cura di me Madre, dei miei sogni segreti

Stringi al tuo petto le mie paure, ho fatto un sogno strano

ero grande e tu tanto piccola da stare in un ricordo.

Sono sveglio.Ho due mani e due occhi, un cuore solo.

 

 

 Raffaele Attanasio

Condividi post

Repost0
9 febbraio 2009 1 09 /02 /febbraio /2009 16:27

 

 

 

 

 

Un altro giorno

Ancora un giorno

E la sabbia scivola lenta

Nella clessidra

Nessun stupore aprirà i tuoi occhi

Domattina

Nessuna risata ingannerà il dolore

Chissà che data metteremo sulla tua croce.

Condividi post

Repost0
9 febbraio 2009 1 09 /02 /febbraio /2009 12:07

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Muscolo che non posso comandare,

brocca di vetro con pesce rosso

che gira in tondo ignaro del proprio destino,

dente malato che cade all’improvviso,

buco nel mio soffitto e piove ormai da ore.

Campana stonata che segue i suoi rintocchi

senza riconoscerli mai rassegnata,

pagina letta e riletta  da un vento troppo caldo,

fiato corto dopo una corsa inutile,

stanco e solo come chi nasce per essere unico

in qualunque posto del mondo,

il mio cuore.

 

 

 

 

 

Condividi post

Repost0
8 febbraio 2009 7 08 /02 /febbraio /2009 18:13

Libro

 

E’ un incontro ravvicinato

tra te e il libro che volevi

già quando magicamente

lo scorgi in mezzo agli altri

e la copertina t’arriva in faccia

come un treno in corsa

e ti prende una specie

di vertigine e negli occhi

compare bagliore di possesso

d’impadronirsene

come un ladro

prima d’altro tocco

che sia intonso

ancora da sfogliare

e l’acquolina lucida

le gengive assetate

allora lo porti via

e lo metti delicatamente

in borsa

solo nel tuo rifugio

lo palpeggi

ne senti il peso

lo sfogli e poi

mettendo l’indice per

buttarlo indietro

con un atto quasi

violento lo fai tuo.

 

Tinti Baldini

Condividi post

Repost0

Presentazione

  • : Blog di Maria Attanasio (di Napoli)
  • Contatti