Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog
26 febbraio 2010 5 26 /02 /febbraio /2010 07:59

...

 

Il Paradiso degli infedeli

 

 

 

 

 

 

Un Paradiso per gli infedeli

Ci deve pur essere

Quelli che non credono

Eppure non vanno in giro a maledire

A mettere bombe

Ad annunciare ogni giorno

L’imminenza della fine del mondo.

Quelli che non credono

Ma non si ubriacano e poi al volante

Di un’auto potente

Si salvano ma uccidono nello schianto.

Un Paradiso per quelli che rispettano la fila

Pagano le tasse non sputano a terra

Hanno una parola sola

E rifiutano preventivamente la Guerra.

Ci deve pur essere un Paradiso

Per quelli che non credono

Eppure non uccidono

Amano e come tutti odiano

E se possono scansano il prossimo

Perché gli somiglia troppo.

Un Paradiso per quelli che non credono

Che Dio vada in giro ricoperto d’oro

Ed abbia bisogno dei mercati dei templi

E di conti in nero,

della scorta e dei proclami

di mantelli e cappelli ingentiliti dalla pelliccia d’ermellino

di Santi che non ci stanno più tutti nel calendario,

un paradiso per gli infedeli

puri di cuore e di buone intenzioni.

 

 


Maria Attanasio

Repost 0
Maria Attanasio di Napoli
scrivi un commento
25 febbraio 2010 4 25 /02 /febbraio /2010 08:06

...

 

 

In viaggio

 

Viaggio libera

senza bagaglio,

quello che sono dietro

ed a volte nemmeno ha peso,

 

poi la strada in salita

la voce un po’roca

la carne che non si adegua

al tempo che passa

 

non guarisce il dolore

né la fame o la sete

le idee si rincorrono

ma non danno pace

ed in fondo non la pretendono

 

sono in viaggio

coi piedi pronti

spalle coperte

ché il freddo è feroce

 

i ponti li ho ritirati

i draghi nei fossati

a difesa della mia magione

da ferma sono in viaggio

passo a due con la speranza

 

raccolgo saggezza

dalle parole degli altri

se ci sarà mèta

forse sarà la salvezza.

 

Maria Attanasio

 

Repost 0
Maria Attanasio di Napoli
scrivi un commento
24 febbraio 2010 3 24 /02 /febbraio /2010 09:47

...


 

 

 

 

 

Un dolore piccolo

 

 

Quante lapidi sul ciglio delle strade

come croci piantate sulla riva di un fiume,

e quel fiume è anche il mio sangue

e la riva il mio corpo disteso

proteso indifeso e tenace

a cercare riposo anche dove non c’è pace.

Vanno i giorni ad uno ad uno

strappati tutti dallo stesso calendario

che è il destino di ogni uomo

sabato domenica lunedì

poi qualcuno cercherà un dolore piccolo

per nascondere un dolore più grande.

 


M.A

Repost 0
Maria Attanasio di Napoli
scrivi un commento
23 febbraio 2010 2 23 /02 /febbraio /2010 10:01
alberoig6.jpg

Oggi voglio fare gli auguri a mio nipote Alessio Forgione,che compie 24 anni e presto ci darà l'immensa emozione di essere il primo laureato della Famiglia.
Colgo l'occasione per fargli i miei auguri di una vita intensa e felice,piena di tutto quel che desidera.
Voglio ringraziarlo per questi anni in cui siamo cresciuti insieme,tra risate e dolore come capita a tutti.
Grazie di esserci stato quando la sventura si è abbattuta su di noi,perchè in quei lunghi mesi di malattia di mia madre ,tua nonna,non solo sei stato presente,ma sei stato Uomo ,ci sei stato vicino con maturità e prontezza nelle piccole cose quotidiane,nel grande dolore della perdita.
Ed ancora continui ad esserci per tutti.
Maria
Repost 0
Maria Attanasio di Napoli
scrivi un commento
22 febbraio 2010 1 22 /02 /febbraio /2010 08:55

...

 

 

Il tempo

 

 

 

Il tempo, lo sai non cambia niente

non guarisce le ferite scava rughe

non solleva il morale

non cancella i rimorsi

caso mai rinverdisce i rimpianti

e passa

inesorabilmente passa

e si cresce si matura

spesso si peggiora

i figli crescono le donne sfioriscono

gli uomini si combattono

tra loro a colpi di lama e rasoio

e non c'è tempo che tenga

di fronte al temo che scorre

lento fiume sì

ma costante .

 

Maria Attanasio

Repost 0
Maria Attanasio di Napoli
scrivi un commento
20 febbraio 2010 6 20 /02 /febbraio /2010 00:08
 

 

 

Sarò vento...

 

 

 

Sarò vento

foglia ti raccoglierò

 

pezzo di specchio

senza guai ti rifletterò

 

amore disarmato

di fuoco ti armerò

 

tutta la vita

sarà senza tempo

 

tutta la notte

senza sonno

 

sarò tempesta

tu nave tra i flutti ma io ti salverò

 

sarò martire

le tue ferite curerò

 

sarò montagna

e ti verrò a cercare se mai ti perderai

 

sarò felice

se con me riderai

 

sarò vento

foglia ti raccoglierò.

 

Maria Attanasio

Repost 0
Maria Attanasio di Napoli
scrivi un commento
19 febbraio 2010 5 19 /02 /febbraio /2010 08:10

...

 

 

Ho..

 

Ho lo stomaco pieno di farfalle

e non è amore

la paura somiglia così tanto

ad un sentimento antico.

Ho il cuore pieno di buchi

e non è malattia

comprensibile per i dottori

camici bianchi e passi veloci

lungo le corsie

lontano dai colpi di tosse

nervosismo dell'ipocrisia.

Ho l'anima a brandelli

e non ho peccato tanto

in fondo qualche lieve bestemmia

in una notte troppo buia

perché potessi vederne la fine

ma è stata solo colpa mia

l'inganno della sorpresa

di essere qui ancora.

 

Maria Attanasio

 

Repost 0
Maria Attanasio di Napoli
scrivi un commento
18 febbraio 2010 4 18 /02 /febbraio /2010 11:28

...

 

 

 

 

 

 

Se ti guardo con gli occhi

che avrò tra 20 anni mi piaci ancora

ed ancora ti seguo felice

senza sapere dov'è che vai

 

ci sono strade che non portano

più in là del nostro cuore

ma va bene così

 

se ti guardo con gli occhi

che avrò tra 20 anni ancora rido

del tuo ridere e so che menti

sapendo di mentire

e se scelgo di crederti è per non perdere l'occasione

di avere una risata di scorta

la chiave della tua porta

sempre chiusa mi attira

 

ci sono strade che non portano

avanti ma indietro

e tu rischi di perdere qualcosa

 

se ti guardo con gli occhi

che avrò tra 20 anni ancora sei lì

che calcoli probabili varianti

per seguire la strada più breve per arrivare al mare

come facciamo noi in pieno inverno

ché è scuro ed arrabbiato

quasi come me quando ho dormito male

e non so cosa aspettarmi del giorno

in cui entro a gamba tesa

pronta al fallo già quasi arresa

all'insensibilità del prossimo in fila

davanti al mio sportello a chiedere informazioni

riservate su come saremo

se arriveremo ad essere due con 20 anni in più.

 

Maria Attanasio

Repost 0
Maria Attanasio di Napoli
scrivi un commento
15 febbraio 2010 1 15 /02 /febbraio /2010 00:11
 

 

 

 

Il Lupo

 

 

 

A questo punto nessun dolore

il corpo non sente più

anestetizzato dalla vita

tutto diventa fiume in piena

e tu sei con me

tira la corda

spara l'unico colpo della tua pistola

tagliami le vene

senti l'odore del sangue

e diventa animale

cosa vuoi che succeda a questo punto

ora che il lupo

si è fatto agnello per amore

sopporta il sacrificio

sopporta il dolore

il lupo è sceso tra gli uomini

e si è fatto strada

si è fatto arteria si è fatto

salmo e poi preghiera semplice

e sincera,

a questo punto cosa vuoi che succeda

ora che tutto è stato scritto

in ogni cellula di corpi

ancora in orbita nel futuro

che diventerà presente

tutto in una sola mente

immanente

ora e per sempre.

 

Maria Attanasio

Repost 0
Maria Attanasio di Napoli
scrivi un commento
13 febbraio 2010 6 13 /02 /febbraio /2010 08:11
 

 

 

Aspetta Primavera Baldini

 

 

...poi resta un sudore lieve

come dopo l'amore.

 

Tra un po' smetteremo di lamentarci del freddo

per maledire il caldo

e se è vero

che non ci sono più le mezze stagioni,

i disonesti sono ancora tutti interi ,

i disoccupati crescono di numero,

diminuiscono i figli,

statisticamente l'1,2%

per ogni famiglia,

da questo deduco che da qualche parte

in qualche altra famiglia

c'è un pezzo di figlio

che potrebbe essere mio,

sì da qualche parte c'è un figlio

che non ha il mio nome

né spazio nel mio midollo,

nessuna cellula in comune

ma statisticamente è mio!

Allora figlio non concepito,non partorito

comunque conteggiato

aspetta Primavera

e sboccia come fiore,

oppure ape operaia

torna alla tua regina

e fai quello per cui sei nata,

aspetta Primavera,

poi larva diventa farfalla

sboccia fanciulla,

come oasi nel deserto,

improvvisa e consolante,

torna uomo mio

a cercarmi anche se ti sono accanto.

Aspetta Primavera

e fammi capire,

spiegami amica

quella poesia che mi fa piangere

e sudare,quella tua che non so recitare

ma sento dentro tra il cuore ed i polmoni

pronti al respiro.

Aspetta Primavera

dammi il tempo di svernare,

lasciamoci vivere.

 

(sai io sono l'incognita

sbagliata di un'equazione

che magari all'infinito

potrà trovare

giusta soluzione.)

 

Maria Attanasio

 

Il titolo è preso in prestito dal libro dello scrittore John Fante “Aspetta primavera Bandini”

pubblicato nel1938.

Non potevo non “utilizzarlo” per questa mia dedica,alla donna,all'amica ed al poeta-

so che capirai

Maria Attanasio

Repost 0
Maria Attanasio di Napoli
scrivi un commento

Presentazione

  • : Blog di Maria Attanasio (di Napoli)
  • Contatti