Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog
23 aprile 2009 4 23 /04 /aprile /2009 00:22

                                                      

                                                      Sei stata il nostro faro Madre,

la spiaggia su cui approdavamo

naufraghi della vita,primo pensiero noi

di tutti i tuoi pensieri.

Sei stata roccia e come muschio

Ti siamo cresciuti addosso,

forte come una quercia

ci siamo riposati all’ombra del tuo amore

smisurato per noi

che in te non abbiamo mai

trovato confini.

Sei stata la nostra stella cometa Madre

Aiutaci ora ad attraversare il dolore affinché

la dolcezza latente in ogni pena

Ci renda migliori.

Condividi post
Repost0
22 aprile 2009 3 22 /04 /aprile /2009 00:07

 

 

Quello che non vuoi dire

e quello che non puoi dire,

quello che resta pietra in gola

e poi graffia anche l’anima,

 sei parte di un dolore più grande

che mischi alle parole

che ti vengono leggere,

per farti forte nella giornata

tra medicine e messaggi

espliciti o cifrati

dalla vita per la vita.

Io ci sono

e tu ci sei?

 

Maria Attanasio

Condividi post
Repost0
21 aprile 2009 2 21 /04 /aprile /2009 23:57
Grazie a chi segue il mio blog,grazie per gli omaggi a Daniela meritati e sentiti.
Grazie a chi passa e non si ferma,grazie ai fedelissimi,Tinti ,Cristina,Marbe,Massimo,Gaetano e tutti gli altri.
Siete sempre con me,nelle mie parole,nei miei ricordi,nel mio dolore.
Grazie perchè in noi e con noi c'è anche chi solo, in apparenza non c'è.
Maria
Condividi post
Repost0
21 aprile 2009 2 21 /04 /aprile /2009 23:51

...

la vita ci ha diviso,spesso così accade,stesso sangue,stesso cognome,ma poi le strade divergono,non ci si vede più.
A modo tuoi ci hai voluto bene,eravamo tuoi nipoti e sei sempre stato fiero di noi.
Mi facevi ridere,eri contento che io scrivessi e pensavi che avrei fatto grandi cose nella vita.
Tento di vivere come tutti ,come te.
Comunque è andata adesso sei libero,libero come hai sempre voluto essere quando il tempo scorreva veloce e giovane nelle tue vene,ciao Zio...anzi ciao Carmine...Maria.
Condividi post
Repost0
21 aprile 2009 2 21 /04 /aprile /2009 08:56

Essenze di ieri
Ricordo colei
che dal giardino usciva
carica di rose
come da pensiero all'altro
caldo
di soave umanità.
Tra le ribelli ciocche
qualche verde foglia
le prime speranze
ed il crine d'oro scuro
caduta a colorarle.
Canaglia e ingiusto
quanto mai
l'aduggiarsi mesto
d'odierno sorriso
che non emana più
le sue fragranze
all'aroma puro
del bianco gelsomino.



Daniela Procida

 

Condividi post
Repost0
20 aprile 2009 1 20 /04 /aprile /2009 14:42

Il senso del senso
Soltanto un rifugio,
voce lontana d'inchiostro
che parla silente
ma sparge del senso
il ruggito
che senso non ha.


Daniela Procida

Condividi post
Repost0
19 aprile 2009 7 19 /04 /aprile /2009 00:02

...

E cosa vuoi afferrare senza mani

Mangiare senza denti

E quella terra che amavi

E quel sole che non scioglie il gelo

E quella gola che non sente acqua

E quei figli che non hanno madre

Eppure escono indenni dalle macerie

E tutta quella gente che diventa popolo

Quando vuoi negargli l’istinto e la dignità

Quando prometti un futuro che non sai costruire

Se rifai gli errori del passato

E cosa vuoi afferrare con i tuoi artigli

Se giuri il falso sui figli

E sui morti non tuoi

E quanto puoi durare

Se la morte arriva per tutti

Con la stessa falce

Prima o poi.

 

 

Maria Attanasio

Condividi post
Repost0
18 aprile 2009 6 18 /04 /aprile /2009 00:06

Peregrinar di donna
Spargerò gli occhi
alla ricerca di un "te"
su quei rilievi e valli
mai esplorati,
troppo distanti le curve
i pendii montuosi
per riposare sguardi
languidi come sogni
all'alba dimenticati.
Sarò lo sbuffo netto
che mi porterà via
dall'afoso meridione
della mia tristezza,
da qui
o dalle ciglia lunghe
arcuate che amerai
accattivanti
di lento suadere.
Non le tue mani
a decidere
se correre e scaldarsi
sul mio incarnato,
viverne il contatto
come d'organo
si vivono i tasti,
non le nostre mani
disporranno di noi
né la paura di sbagliare,
di meno, l'inutile orgoglio
che a turno riduce al silenzio.
Ma un pensiero dentro
ventoso,
il bisogno d'un drappo
a proteggermi,
tempestosa, raminga
brama di compiermi.

Daniela Procida

Condividi post
Repost0
17 aprile 2009 5 17 /04 /aprile /2009 00:07

 

 

Non cambia il volo

del migratore in cielo,

anche se qui si gela

e la terra trema ancora

sotto le tende e dentro,

dentro quante lesioni

che nessuno indagherà,

nessuno chiuderà le crepe

dell’anima di chi

ha seppellito il figlio

ed il futuro,in cambio di un presente

di promesse ipotetiche,

di facili costumi

delle prostitute di corte.

Nessuno può veramente capire

il dolore dell’altro,

anche se a tavola

i gomiti si toccano,

la notte si uniscono i respiri

e non è amore,non è sesso,

è condivisione,sopportazione,

un’accontentarsi per non crollare

come il palazzo

di via XX  Settembre.

Qualcuno la notte sognerà

la vita di prima,

solo una settimana fa

e sembra un’altra esistenza;

questo si spera non sia materia

almeno una volta sola

di qualche oscena puntata

di Porta a Porta.

 

Maria Attanasio

 

13 Aprile 2009

Condividi post
Repost0
16 aprile 2009 4 16 /04 /aprile /2009 10:07

 

Gli occhi della donna che non conosco

piantati nella mia schiena

a settecento km di  distanza,

pugnali nel mio presente mi fanno capire poco

il futuro e quello che sarà

delle pietre al gelo della notte

della memoria dell’uomo

dischiusa a nuovo dolore;

 

se mai si troverà un colpevole

che abbia un volto e un nome

ed una pena proporzionata alla colpa

almeno stavolta.

 

Maria Attanasio

Condividi post
Repost0

Presentazione

  • : Blog di Maria Attanasio (di Napoli)
  • Contatti