Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog
19 maggio 2009 2 19 /05 /maggio /2009 08:04

Vento

 

 

Decidono :

parti

in abito sottile

poi

non senti più

il tuo respiro:

boati d’urlo

cocci impolverati

di ricordi

macerie di case

e di te

senno in frantumi.

 

Riparti in tenue soffio

Se puoi.

Decidono…

 

 

Tinti Baldini

Repost 0
maria attanasio
scrivi un commento
18 maggio 2009 1 18 /05 /maggio /2009 07:44

Bilingua

 

 

Ripopolare ,ripopolare

è facile dire.

Giostre.

Cigolanti,voleri impotenti

Strade divise,vesti ormai lise.

Cavalli ,promesse e sirene.

Notti bianche,lumi, falene

e voci.

Voci tante,voci stanche.

Voci

rimbalzano,si fondono e saltellano

giocano si alzano e imprecano.

Sbraitano .

Tremano

ma avanzano,fiere di essere

d’incrociarsi,tramare, tessere

di vuotare il mare,di vette scalare

e schiatte toccare

con  garbo

il cuore disposto o di mosto ospitale.

 

Voci avare

Questo velo e da scostare.Pochi anni basteranno.

Voci vere

Si potrà ripopolare e ripartire con l’inganno.

 

Flavio Zago

Repost 0
maria attanasio
scrivi un commento
16 maggio 2009 6 16 /05 /maggio /2009 00:09

 

 

Pietà Cristiana

 

 

 

 

Non così a morsi e sputi

A dolori nuovi

Le pallottole ci sfiorano

E niente è come sembra

Da lontano dove siete

Così sicuri

Che la verità

Possa essere messa in croce.

 

Così mai ad armi pari                                                                                                                                

La mia fame e la mia sete

Contro la tua paura

Che ti venga tolto

Il troppo che hai

In qualche modo.

 

Così allora ditelo

Con parole vostre di sassi

E sabbia tra i denti

Che ci si possa cospargere

Tutti poi il capo di cenere

Che non c’è ragione

Per  non essere perdonati poi

In nome della vostra pietà Cristiana

Sopravvissuta  al vostro disprezzo

Si spera.

 

Maria Attanasio

Repost 0
maria attanasio
scrivi un commento
15 maggio 2009 5 15 /05 /maggio /2009 08:07

Non è tutto oro quello che luccica

Non si esce da soli la Domenica

E come ti ho amato io mai nessuno

Puoi metterti in fila coi miei creditori

Avrei quello che resta dei trenta denari

Dopo che sono stato a donne

E a parole nel vino e nel vento

Dopo che sono stato sotto i ponti

E sui marciapiedi

Avrai quello che resta del mio respiro

Dopo che avrò tirato il fiato

Dentro un’altra sigaretta

Avrei la limpidezza del mio sguardo

Dietro gli occhiali da sole

Avrai le linee dalle mie mani

Dopo un’ attenta igiene

Non è oro tutto quel che luccica

E sento questo sapore amaro in bocca

Ed il brivido lungo la schiena

Di uno che è scampato ancora

Alla sua stessa vita.

 

C.Altieri

Repost 0
maria attanasio
scrivi un commento
14 maggio 2009 4 14 /05 /maggio /2009 08:02
Orfeo


Cammino e poi
mi volto indietro
e guardo un film
che scorre
e non mi par
cosa mia.

Tinti Baldini
Repost 0
maria attanasio
scrivi un commento
13 maggio 2009 3 13 /05 /maggio /2009 00:14

Prima mi faccio un a doccia

 

 

Prima mi faccio una doccia

E poi mi sveno

Voglio che mi trovino pulito

Voglio lavare via le delusioni

Che ho tentato di annegare nel troppo bere

Nelle migliaia di sigarette accese.

Voglio lavare via l’odore di troppi corpi

Avuti senza amore

La sensazione di essere presente

In un mondo che non mi accontenta

Le pretese l’invidia la presunzione

Quel filo d’arroganza

Che mi ha legato all’esistenza

I rimpianti ed i rimorsi i compromessi

I versi dileggiati

Le opportunità tutte le occasioni

Lasciate andare

Guardandomi le spalle come fossero nemici

L’ipocrisia di certi discorsi

Che mi hanno contagiato mio malgrado.

Voglio lavare via il seme sprecato

I baci che non ho dato

Le rose che non ho sistemato nei vasi

I libri letti troppo in fretta perché lasciassero traccia

La sensazione di avere ancora tra le braccia

L’amore incerto dei vent’anni

E tutti i minuti e i giorni

Che devono venire a darmi fiato

Ora che sono così pulito.

Prima mi faccio una doccia

E poi mi sveno

Dovrà uscirmi dal sangue ogni peccato.

 

C.Altieri

Repost 0
maria attanasio
scrivi un commento
12 maggio 2009 2 12 /05 /maggio /2009 08:47

Essere bambini

 

Com’è bello essere bambini,

non si pensa ad altro

che giocare,dormire,mangiare.

Per essere felici bastano le coccole che ti fa la mamma,

per essere contenti bastano i biscotti che ti prepara,

per essere eccitati bastano le sue favole,

per essere di buon umore bastano le sue carezze.

Ma la vita va avanti

e quando diventi adulto

le sue coccole,i suoi biscotti,le sue favole e le sue carezze

non bastano più.

Cambiano le esigenze,

cambiano i gusti,

il modo di pensare,

di reagire e …

capisci che era meglio restare bambini.

                                                                                      Helen Napolitano

 

Repost 0
maria attanasio
scrivi un commento
11 maggio 2009 1 11 /05 /maggio /2009 09:17

 

Carico di Cristi in croce

Di bestemmie dette a mezza voce

Col sonno addosso di notti senza sogni

Sperando di non cozzare contro gli scogli

Che non si vede niente

E niente sarebbe pure tanto

Se questo rumore non fosse solo di onde

E non di stomaci vuoti e odori che si mischiano                                 

Alla brezza marina

Quale allegria nel frizzante sangue giovane

Che va leggero e pigro sul mare

Nemmeno sento il battito del bambino

Partito con me dentro di me

Fuori è cartone e ferro da battere

E ossa da spezzare e schiena da tenere dritta

Davanti al padrone che non avrà

Un minuto del suo tempo da dedicare

A chi non parla la sua lingua e non lo sa capire

Al mio paese io avevo un pezzo di carta

Migliore del tuo culo e sapevo rispondere a domanda

E potevo scegliere ed ho scelto

Non immaginando la tua superbia

Padrone del mondo

La giostra poi gira e chi non scende alla svelta

Dovrà pur di una qualunque morte

Morire.

 

 

Maria Attanasio

Repost 0
maria attanasio
scrivi un commento
10 maggio 2009 7 10 /05 /maggio /2009 00:26

 

 

Se potessi ridarti indietro la vita

E gli anni ,gli anni passati

A lavare pavimenti a soffiare nasi

A farmi panni caldi per il mal d’orecchie

 

Se potessi darti adesso il pianto

I fiori e lo sgomento

Di questi giorni senza sapore

E la risata delle mie figlie

L’odore del pane caldo

Le gite fuori porta

I colori di un mercato all’aperto

Il cielo della Toscana

Il profumo buono

Dei tuoi figli adesso

Che le nostre età si assomigliano

E  siamo così soli

In mezzo a tutte le parole che non dirai

 

Se potessi ridarti gli anni

Senza dolore senza dover decidere

Da che parte stare

E le montagne della tua terra

E le pecore della tua infanzia

Ed un andare via senza menzogne

Madre .

 

Maria

Repost 0
maria attanasio
scrivi un commento
9 maggio 2009 6 09 /05 /maggio /2009 00:18

Ti ringrazio

 

 

Sei stata madre

d’ossa e sfinimento

senza portarmi

a spasso

nel ventre

m’hai dato carezze incerte

ché madre non eri

quasi in timore

d’un rifiuto neonato

sentivo sudare la fronte

nei conti a fine mese

ma il letto era candido

e grande e tu stavi

là sul divano

con gli occhi

sgranati e la lente

a guardare il mio sonno

a sentire il mio fiato

sempre.

Ringrazio quei libri

ammucchiati risposte

alle mie risposte

alle mie domande

e la mano nodosa

sfogliarli la notte

a trovare per me

libertà.

 

Tinti Baldini

 

Repost 0
maria attanasio
scrivi un commento

Presentazione

  • : Blog di Maria Attanasio (di Napoli)
  • Contatti