Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog
31 maggio 2009 7 31 /05 /maggio /2009 19:27

Scomposizione

 

 

Il cuore che batte nel cuore è un cuore

di muscolo e tessuto cavità strane

sangue che parte per vene e arterie

batte lento veloce velocissimo

ed ognuna di queste corse ha un nome

che è nel cuore del cuore

che è amore particella dell’anima

del sudore tra le lenzuola

è grido di figlio e donna è primo pianto

e poi rallentare piano e non sapere

cosa farne delle mani e delle risate

delle parole e della voce

che cambia nel tempo.

 

2

 

Ma se togli a questo cuore il miraggio

di capire quello che c’è tra la partenza e l’arrivo

e non è soltanto il viaggio

pelle e gas di scarico

e sangue ancora e capelli al vento

e chicco d’uva e miele

e poi l’odore dell’incenso

e quello di un bambino

e tutte le parole che un bambino non sa dire

la piena in bocca e continua a masticare,

il viaggio è l’uomo di fronte

al suo amore ragazzino

30 anni in un minuto ti affossano

il  passato ed il futuro

per quel poco di presente che riesci a respirare

ombra e orma che lascio e riprendo quando voglio.

 

3

 

Il viaggio è non voler smettere il vizio senza convinzione

è leggere per cantarsi dentro le parole

è non avere nome per un po’ che non sia il battito

lento veloce velocissimo del cuore in petto

è il poeta che si inchina al verso di un altro poeta

è una fuga senza meta

e malattia è cura di una madre materia delle mia ossa.

Il cuore che batte nel cuore

muscolo grosso quanto un pugno in un adulto

milioni di cellule che si rincorrono

scompongono e ricompongono

la fisiologia del battito il ritmo il timbro

l’acuto anche in questo giorno

che non è ancora notte

ma poi la notte arriva

a dare ferro ai pensieri e spine e vuoti

ed io che potrei dire

se ignoro l’inizio e la fine

della mia stessa storia,

conosco la mia pelle e l’acidità del sudore

la forza delle gambe e quando è ora di riposare

capisco il fiato mancante

alle ultime domande,

mi ricompongo come dopo il pianto

e al vuoto tendo le mani

per non annegare nel mio stesso vuoto

e mi pento vigliacca anche di tutto quello

che non ho mai avuto io coraggio di fare

mi do l’assoluzione

il viaggio è anche dimenticare

lasciarsi andare al ritmo del cuore

che batte batte batte…

 

 

Maria Attanasio

Repost 0
maria attanasio
scrivi un commento
29 maggio 2009 5 29 /05 /maggio /2009 08:16

Cerco frammenti di me

Anche dove

Non sono stato

Magari in un’altra vita

Ci sono stato e li ho dimenticati

Ed ora mi sento

Perso e senza peso

Piedi a terra e testa altrove

Vivo la vita di un altro

Uno incompreso

Che fa il suo percorso

Guardandosi indietro.

 

C.Altieri

 

Repost 0
maria attanasio
scrivi un commento
28 maggio 2009 4 28 /05 /maggio /2009 07:59

Eroticamente
Non lasciarmi appassire selvaggia
come scia che si perde di profumo,
inodore nel subbuglio dei tuoi sogni,
nella traccia d'un ricordo che ti preme
e assesta pugni di rimpianto in pieno petto.

Non lasciarmi incolta percezione
o dolcezza abbandonata nel tuo mare,
d'opera incompiuta la mia carne geme
accesa dal piacere cui mi invola Eros.

Per coronare ad arte la mia impresa
innanzi al fuoco adagerei il mio corpo,
ceduta al suolo la veste mia sincera
con luce tremula giocherei alle ombre.

E col frizzante vino che per noi serbasti
irrorerei dei baci la fervida promessa,
perderei la mia ragione nell'impulso
deporrei le armi ancora nell'ebbrezza.



Daniela Procida

Repost 0
maria attanasio
scrivi un commento
27 maggio 2009 3 27 /05 /maggio /2009 09:03

...

 

 

Due cuori

 

 

 

Se il mio cuore

è così anatomicamente

simile al tuo

(penso a due cuori sani

e fortunati per questo),

quali parole potrei mai dirti

che tu non sappia già

magari in altre forme,

bestemmi o moduli la voce

seguendo la rabbia

o un ridondante dolore

per mettermi con le spalle al muro

ma non te ne andrai.

Se il mio cuore

è così simile al tuo

che potremmo sintonizzare

il battito durante l’amore

o dopo

quando niente è più in gioco

ed allora posso parlare

o tacere

e tu capire.

 

Maria Attanasio

Repost 0
maria attanasio
scrivi un commento
26 maggio 2009 2 26 /05 /maggio /2009 08:01
Luna


Muta assapora
di nuvole il passaggio
e di stelle
la lontananza
in silenzioso tocco
d'infinito.

Tinti Baldini
Repost 0
maria attanasio
scrivi un commento
25 maggio 2009 1 25 /05 /maggio /2009 00:09

 

 

Esecutore testamentario

 

Per togliere ogni traccia

di me

ci vorrà poco:

ci penserà   A.

dagli occhi azzurri,

mi metterà foto da giovane

in una cornice d’argento

e sui miei fogli sparsi

calmerà il vento

con pietra d’onice comune;

poi cancellerà

la memoria del computer

per mettersi nel cuore

tutte le mie parole.

 

Maria Attanasio

Repost 0
maria attanasio
scrivi un commento
24 maggio 2009 7 24 /05 /maggio /2009 01:31

Il Filo

 

 

Segui il mio filo

le tracce di sangue i sospetti

i giorni come interrotti

da un dolore silente.                                                                  

Segui il profumo delle mie ore migliori

i pensieri le idee

che a volte perdo per sentieri

o vedo rotolare in dirupi  profondi

non lontano da me.

Segui le mie parole

una alla volta fino al cuore

poi un salto dentro a frantumare

quello che resta e non so dire.

Segui le linee sulla mia mano

il destino lo sai è adesso, è qui

nel ventre molle e sazio

del tempo che ho.

 

 

 

Maria Attanasio

Repost 0
maria attanasio
scrivi un commento
23 maggio 2009 6 23 /05 /maggio /2009 09:41

Sarà
Non ricadrà sugli omeri miei
il crine che ieri carezzasti,
s’ondulerà morbido ancora domani
come tregua finale sulla tua spalla,
compagna di chi t’ha dedicato speranze
i mille volti del tormento
i mille ed uno dell’esultanza.
Avrà il colore sciupato delle rughe,
piene, quelle della nostra vita,
la levità ed il peso dell’unione
o l’utile amarezza di certe strane fughe.
Colerà il benefico riposo con l’ennesimo scontro
e la resa compirà il talamo avviato
del sogno lungo che giurammo.
Fumigando d’incenso le ferite
ci planeremo liscio l’uno dentro l’altro,
si tergeranno le anime di pace
nel confortevole amplesso delle ultime sere.

 

Daniela Procida

 

Repost 0
maria attanasio
scrivi un commento
22 maggio 2009 5 22 /05 /maggio /2009 07:54

 

 

Quali e quanti coaguli di vita

dovrò sciogliere prima di chiamarti amore

e fare finalmente i conti

con provviste di sonno da consumare

tra le tue gambe

in cerca della ragione precisa

di ogni debito di ogni promessa.

Quali coaguli di vita

dovrò sudare nelle notti d’Agosto

sconosciuto a me stesso

quale amore volevo davvero

senza impegno

come fosse divino segno

ogni singolo coito.

Eppure ho atteso

che passasse anche questo dolore

freccia rossa nel rosso del mio cuore

per ritrovare a Settembre su un piatto d’argento

illusioni e delusioni di sempre.

Eppure ho atteso che passasse

anche questo dolore quasi come fosse piacevole

consumarsi d’amore,

 avere acido nelle vene

continuare a cercare la ragione precisa

di ogni debito

di ogni promessa.

 

C.Altieri

Repost 0
maria attanasio
scrivi un commento
20 maggio 2009 3 20 /05 /maggio /2009 00:09

. Matematica.. virtuale... ma non troppo
§[(Sottoposta a sequestro in espressione algebrica,
numero in celle di svolgimenti obbligati,
incontro / scontro segni aritmetici
sottraenti, divisori, mai sommanti
o moltiplicatori i risultati miei.
Stanca inciampo, prendo sviste,
cado in fallo ed altero i passaggi,
i computi, dunque l'esito finale sacrosanto
per l'evasione da tonde, quadre, parentesi graffe)]§ =
§[(Daniela Procida)]§

 

Repost 0
maria attanasio
scrivi un commento

Presentazione

  • : Blog di Maria Attanasio (di Napoli)
  • Contatti