Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog
13 settembre 2009 7 13 /09 /settembre /2009 19:00

.




Apri le ali
è tempo di volare

libera le vele al vento
è ora di salpare

lascia parole sui fogli
sciogliti in canto

schiodati dalla croce
è il momento di riposare.

maria

Repost 0
maria attanasio
scrivi un commento
11 settembre 2009 5 11 /09 /settembre /2009 00:09

Impressioni

 

 

 

I banchi del mercato colorati

I fiori che si vendono sono stati traditi

E la bellezza effimera dei bulli di periferia

Gli avambracci scoperti e tatuati

Coi  sogni di viaggi mai fatti

E il Polo Sud è un’idea stramba

Per chi non ama l’avventura

E non farà mai nulla di così scontato

Da meritare funerali di stato

O lacrime stagionali

Come gelsomini oppure il glicine

Che non vuol  crescere sul  mio balcone

E c’è uno spreco di sogni

Anche nel mio nome

Se nulla è stato visto di quello che ho fatto

Quando innamorato cercavo spiagge

Di pietra lavica e sognavo ancelle

E bevevo alla sorgente con le mani a bicchiere

Senza sapere che potevo morire a vent’anni

Nel sudore di un’uniforme

Senza nemmeno il tempo di un pensiero

Come il Piero di una canzone

Che insegno ai figli

Per farli guarire.

 

M.Attanasio& Friends

Repost 0
maria attanasio
scrivi un commento
10 settembre 2009 4 10 /09 /settembre /2009 00:18

Ci scambiamo vibrazioni come gli ubriachi si passano la bottoglia

senza un minimo d'igiene
un po' come gli amanti in fregola

ti ho detto così tante bugie
che forse è vero mi sei necessario
come il colluttorio ogni mattino

ho letto un libro scemo
fino in fondo
e ci ho capito poco
la vertà è quasi sempre nel mezzo
e di solito
non è gratis

ci sono bambini chiusi negli asili privati
dalle 8 alle 17
si preparano al 41 bis

ci sono  donne colle calze smagliate
poverine si guardano intorno credendosi
al centro dell'attezione
signore mie tutti gli occhi sulle vostre gambe
e poi chi lo distrugge  il mondo

ci sono giorni di pioggia e vento
al cimitero dei poveri è morta ogni pietà
una statua del Cristo degli abissi
troneggia fuori dal supermecato
dove la domenica compro il pesce fresco


il muratore tiri su muri su muri
il ferroviere odia viaggiare
due polli nello stesso pollaio
non ci possono stare

maria Attanasio& C.Altieri

Repost 0
maria attanasio
scrivi un commento
9 settembre 2009 3 09 /09 /settembre /2009 00:05

 

(Canzone)

 

Bruciami ancora negli occhi

Amore

Questa notte fuochi sul lago

E tu

In qualche parte del mondo

A battermi dentro

Un cuore così grande

Quanti spazi bui

Può avere

E tu ancora non lo sai

 

Bruciami negli occhi

Amore

Mentre ti guardo

Andare via

Riconoscerei la tua schiena

Tra la folla

Della metropolitana

E tu non lo sai

 

Bruciami negli occhi

Amore

Ora che sono qui

Ostaggio di altri corpi

Ed altri umori

E tu non lo saprai

Mai

 

M.A.

Repost 0
maria attanasio
scrivi un commento
8 settembre 2009 2 08 /09 /settembre /2009 11:29

A volte l’emozione è così forte che essere grandi,non aiuta a trovare le parole per esprimere la propria commozione,la partecipazione al dolore di una persona che pure teneramente si ama,è per questo che Tinti Baldini ,nella sua grandezza ed umiltà poetica ,affida la sua emozione ai versi di un giovane poeta da dedicare a Beatrice Zanini ,la nostra Marbe.

 

La Luna sul guardrail

 

Oh come urla di gioia alla vita

in quel disco infuocato

che d’arancio

stinge il crepuscolo,

tiepido soffia un refolo dolce

corre rapida la strada azzurra.

Impudica frattanto la luna

si sdraia sul guardrail

e comincia la danza

la vita si snoda

e giunta nel mezzo

grida di gioia senza voltarsi

sorride un momento

e prosegue la via.

 

Marco Belocchi

Repost 0
maria attanasio
scrivi un commento
7 settembre 2009 1 07 /09 /settembre /2009 23:24
Grazie a tutti voi per aver ricordato con me Daniela...
Repost 0
maria attanasio
scrivi un commento
7 settembre 2009 1 07 /09 /settembre /2009 00:01
 

 

Riassumendo per D.

 

 

Non lo sai più come passa lento

il tempo dei giorni

e gli anni poi così veloci,

per me son già quarantaquattro

mi conto vari dolori

tutte le mattine

un occhio solo fa fatica ad aprirsi

sul mondo come se volesse continuare

a vagare nel sogno,

non lo sai più che faccia ho

e pensare che ho ancora sulle labbra

le ultime parole e il tuo sguardo

mentre andavo via

con la promessa di rivederci ancora

di non perdersi ,

tu non lo sai ma i figli crescono

e noi non abbiamo mai ragione,

i capelli  anche le mani

e gli occhi cambiano colore

ma tu non lo sai

che ho visto il cielo riempirsi di nuvole

ed ho tentato di dare un senso alle forme

che mi attraversano l’orizzonte

che sogno ogni notte bambini non nati

che ci sono parole che ancora mi fanno male

che l’estate cambia diventa tropicale

che in si muore ancora con una facilità estrema

che si protesta in ogni parte del mondo

e l’altra parte non sente

in silenzio osserva sembra me che guardo

il passaggio delle nuvole

senza capirci niente,

tu non lo sai ma mi innamoro ancora

di chi non mi ama e seguo il filo dei pensieri

senza arrivare che è come restare in stazione

sempre e per sempre,

tu non lo sai

o conosci già tutte le risposte

senza occhi umani mi sorridi

e fai finta di niente.


Maria

Un anno fa vinta da un male crudele e veloce ci lasciava Daniela Procida,poetessa sensibile,donna amabile.
Il vuoto da lei lasciato lo riempio con le sue parole.
Un pensiero al  marito Pino e a Glenda,ai genitori ed all'amata sorella.
Tutti quelli che hanno avuto modo e fortuna di leggere le sue poesie,non potranno mai dimenticarla.
Ciao Dani,ovunque sei ...

 

 

Repost 0
maria attanasio
scrivi un commento
6 settembre 2009 7 06 /09 /settembre /2009 00:00

 

 

 

…l’amore tra i capelli

come lo potrei dire

e tutto quel dolore

che ti illumina le mani a giorno

in una notte che non ha fine

e scrivi salvifici versi di fuoco

lettere scarlatte sull’anima

senza nessuna colpa

 

come lo potrei dire

tutto questo senza maledire

e tu che invece descrivi così bene

la tua croce

peso che nessuno ti può alleggerire

 

se bastassero le parole

se servissero le preghiere

giorno e notte cercheremmo insieme

parole nuove per preghiere antiche

questo ce lo potremmo anche giurare

vero?

 

Maria Attanasio

Repost 0
maria attanasio
scrivi un commento
5 settembre 2009 6 05 /09 /settembre /2009 00:03

...


 

 

 

L’altra guancia

 

 

 

Ahi,

quello che sai non è l’amore,

a ricucir ferite ci vuole tempo

e mano ferma,

a ferire e lacerare

pelle e tendini non ci vuol niente

a volte bastano le parole,

più di lingua che di spada…

…ed io vorrei una scuola di arroganza,

ma poi perderei il senso del bello

e le parole,il verso libero

incatenato alla mano violenta,

al piede veloce,non verrebbe più a farmi visita

nel bene e nel male

a farmi ridere e piangere

dell’incanto che a volte “sento”

nelle parole degli Altri

poeti di sassi e lacrime

di dolore e risate di fiumi e laghi

di sogni e amanti.

Meglio così illusa e malinconica

che porge l’altra guancia

e tira avanti.

 

Maria Attanasio

 

Repost 0
maria attanasio
scrivi un commento
4 settembre 2009 5 04 /09 /settembre /2009 00:03

Il senso del senso


Soltanto un rifugio,
voce lontana d'inchiostro
che parla silente
ma sparge del senso
il ruggito
che senso non ha.



Daniela Procida

Repost 0
maria attanasio
scrivi un commento

Presentazione

  • : Blog di Maria Attanasio (di Napoli)
  • Contatti