Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog
15 ottobre 2013 2 15 /10 /ottobre /2013 12:36
La TERRA DEI FUOCHI

Hanno tramato all'ombra delle croci
col Vesuvio alle spalle muto spettatore
terra vergine stuprata per come e da dove
sarà mai dato sapere
ad occhi che piangono
e mani di madri che si torcono
come volessero impastare di nuovo quei figli
con benedetta farina ed acqua...
finalmente pura.
Il denaro non ha odore
non ha germi non produce cellule malate
il denaro si moltiplica in bidoni
che arrivano dal Nord probabilmente
e nessuno ha colpa
perché non dimenticate gente
chè questo è un Paese in cui
un morto o cento non fa differenza
è solo statistica
questo è quello che resta.
E che non ci sia prete o Santo,
a chiedere perdono
a nome di chi non c'è più
noi non sapremo mai
se la pietà è morta con loro.

Maria Attanasio 15 ottobre
Repost 0
Maria Attanasio di Napoli
scrivi un commento
9 ottobre 2013 3 09 /10 /ottobre /2013 09:46

E’ che io non ho una direzione

Viaggio su binari immaginari

E se mi fermo non ci son stazioni

Con volti e nomi

Che poi possa dimenticare

Facilmente.

È la libertà presunta

Che mi rallenta ogni percorso

È la mano sporca che chiede asilo

E trova un silos di merda

E parole vuote come bolle di sapone.

Però con le bolle giocano i bambini

Non i burattini impiccati alle cravatte

Zavorrati dalle borse piene di annunci allucinanti.

È che io non ho un direzione

Viaggio su binari immaginari

Per questo prendo un caffè

Da solo al bar all’angolo

Di ogni dolore.

Repost 0
Maria Attanasio di Napoli
scrivi un commento
29 settembre 2013 7 29 /09 /settembre /2013 22:49

Mi bruci ancora negli occhi

Mi sbrani il cuore

Ed io continuo a vivere

Come fosse una missione

Questo stillicidio di dolore

Non è una croce

Non c’è preghiera

Che mi riempia la solitudine

Quando viene la sera

Quando gli ubriachi

Cercano angoli dove appoggiarsi

E vivere un’altra notte

Senza sapere se vedranno il giorno

Il giorno che ci troverà a correre

E gridare per strade a cercare pane

Ed altre cose inutili e senza sale

Mi bruci dentro

Livido è il cuore

Vuote le parole

Sempre le stesse

Partorendo i figli non è vero

Che si fanno promesse

Si paga in anticipo

In spiccioli come sabbia tra le dita

La propria vita

M. Attanasio

Repost 0
Maria Attanasio di Napoli
scrivi un commento
29 settembre 2013 7 29 /09 /settembre /2013 22:49

Mi bruci ancora negli occhi

Mi sbrani il cuore

Ed io continuo a vivere

Come fosse una missione

Questo stillicidio di dolore

Non è una croce

Non c’è preghiera

Che mi riempia la solitudine

Quando viene la sera

Quando gli ubriachi

Cercano angoli dove appoggiarsi

E vivere un’altra notte

Senza sapere se vedranno il giorno

Il giorno che ci troverà a correre

E gridare per strade a cercare pane

Ed altre cose inutili e senza sale

Mi bruci dentro

Livido è il cuore

Vuote le parole

Sempre le stesse

Partorendo i figli non è vero

Che si fanno promesse

Si paga in anticipo

In spiccioli come sabbia tra le dita

La propria vita

M. Attanasio

Repost 0
Maria Attanasio di Napoli
scrivi un commento
12 settembre 2013 4 12 /09 /settembre /2013 08:28

Dove tieni gli occhi Amica mia

In cielo o in fondo al mare

Dimmelo tu ,magari in sogno,

dove devo guardare

per non vedere guerre

tra popoli ed anche tra persone

che si spolpano il dolore

e non hanno nient’altro.

Dove appoggi le mani

Che hanno attraversato corpi

Come se fossero continenti

Ed anche quello era amore

Quel sussurro disperato

Pieno di rimorso

Che poi non è servito

Perché quello che ci serve è il perdono

Ed il cuore libero.

Dimmi dove tieni gli occhi

Intrecciati su quali capelli

Adesso so bene che non serve,

Che tutto passa anche l’amore

Scompare molto prima della nostra cenere

Ci precede nell’immenso della luce

E forse solo allora stiamo bene.

Maria Attanasio

Repost 0
Maria Attanasio di Napoli
scrivi un commento
7 settembre 2013 6 07 /09 /settembre /2013 11:20

E' stato breve il tuo tempo, hai conosciuto la gioia ed il dolore ,la grande gioia della poesia che ti attraversa il cuore ,ed allora fermi tutto ed inizi a scrivere quello che quel muscolo che non possiamo comandare ci ordina.

Sento la tua mancanza come una punizione, quello che poteva essere e non è stato.

Perdona tutti ,gli infelici e quelli giocondi come la vita ti ha insegnato ed abbi cura di me

che non ti dimentico.

maria

Repost 0
Maria Attanasio di Napoli
scrivi un commento
4 settembre 2013 3 04 /09 /settembre /2013 11:31

Mercoledì 4 Settembre 2013.

IO Maria Attanasio in De Rosa , di Gaetano e Ciasullo Lorenzina,nel pieno delle mie facoltà dichiaro che alla mia morte:

che i miei oggetti d’oro e quelli appartenuti alla mia famiglia di origine vengano equamente distribuiti alle mie due figlie Alessandra e Francesca De Rosa;

che dei miei libri abbia libera disposizione Alessandra con la piena facoltà di farne quello che ritiene più giusto;

che se proprio risulterà impossibile darmi sepoltura insieme alla mia amata madre, le mie spoglie vengano cremate e disperse nel Golfo DI Napoli;

che le mie spoglie mortali siano benedette e che venga recitato in Latino il Padre Nostro;

Che le mie spoglie non restino nella maniera più assoluta a Saviano;

tutto il resto delle mie cose può essere donato o bruciato;

I miei scritti odierni e futuri appartengono ad Alessandra(L’unica che ha mostrato qualche interesse per la mia Poesia),Lei ne farà ciò che vuole.

Ho amato ogni persona incontrata ,anche per un solo attimo, con il tempo ho capito che è stato amore sprecato.

Credo di non avere rimpianti, non ho mai fatto volontariamente del male.

Grazie a Sergio che mi ha mantenuta nel migliore dei modi, quello che è successo tra noi fa parte della storia che siamo stati chiamati a vivere, che tu ci creda o no.

Grazie alla Dea della Poesia per i momenti unici, eterei di felicità.

Che Dio con tutti i suoi nomi abbia pietà di me ,e mi illumini d’immenso.

Maria Attanasio

Repost 0
Maria Attanasio di Napoli
scrivi un commento
2 settembre 2013 1 02 /09 /settembre /2013 11:01

Sei un angelo

Allora prestami le ali

Sei diavolo

Dammi fiamme

E fuoco che cancelli

Cosa puoi capire

Credendo di sapere tutto

Che cosa puoi sapere

Avendo mani troppo grandi

E sporche non di lavoro

Io sono libero

Perché amo le mie catene

Posso spezzarle

Quando voglio

Almeno provarci

Anche coi denti

Buon lavoro

Torno a dormire-

m.a

(ricordando che il lavoro nobilita l’uomo, almeno l’uomo che ha un lavoro, e colui che lo cerca come non fosse già un suo diritto costituzionale)

Repost 0
Maria Attanasio di Napoli
scrivi un commento
28 agosto 2013 3 28 /08 /agosto /2013 10:57

A mani nude per quello che potevo saperne

Tentavo di difendermi da pugni e schiaffi

Della vita così come fan tutti

Tutti quelli che hanno ancora voglia e dignità

Per salvarsi.

L’uomo in cravatta mi disse che la mia domanda

Non sarebbe passata mai

Sapevo troppo cose inutili e poi credevo in me

Come un cervo inseguito dal cacciatore che

Fino allo sparo è convinto della sua salvezza.

Avevo troppi nodi e qualche pettine

Dei figli da cercare e mai più il ventre piatto

E chissà se ne è valsa la pena

Di mettere in fila tutte queste parole

Col cuore in gola quasi sempre ed un uomo che tace

Ed aspetta imprevisti come una pioggia ma non ha ombrello

E non lo cerca e si bagna tanto poi tutto si asciuga

Basta che passi il tempo

Bè il tempo è passato.

m.a

Repost 0
Maria Attanasio di Napoli
scrivi un commento
27 agosto 2013 2 27 /08 /agosto /2013 10:37

Se ti cerco poi non ti trovo

Sei dietro un albero a spiare

Se mi decido o no

Ad entrare in qualche Bar

Come uno normale.

Uno che ha visto i chiodi

Ed il legno scheggiato

Un po’ ha creduto

Poi ha dimenticato

Perché la vita ti prende tutto

Anche il dolore della fede

Quella che non sai spiegare

E pensi ad un bimbo biondo

A cui non la possono imporre

Un dio

Come fosse il suo nome

Da portare tutta la vita

Una vita di fatica

Comunque sia.

Vedi come è lungo il mio verso

È perché non capiresti la carezza

Oppure il bacio bagnato di pioggia

Di uno che torna

Perché vuole pregare e andare.

m.a

Repost 0
Maria Attanasio di Napoli
scrivi un commento

Presentazione

  • : Blog di Maria Attanasio (di Napoli)
  • Contatti