Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog
28 aprile 2018 6 28 /04 /aprile /2018 18:06

Tu mi sei

spia di dolore,

di sonno disturbato

pieno di sogni

che virano all’incubo.

Passerà come tutto passa

mietendo vittime,

sfornando illusi vincitori.

 

Condividi post

Repost0
25 aprile 2018 3 25 /04 /aprile /2018 21:22

Incanto

Anche tu sei incanto
con le mani cariche di lavoro e vene,
tu che sposti pietre per case non tue,
tu che scegli una mela alla volta
e ne compri tre,
tu che guardi le vetrine
passando oltre,
tu che sai riconoscere la tenerezza dagli occhi,
tu che allo specchio non ti riconosci,
tu che apri lentamente la posta
e c’è , in ogni caso, una sorpresa,

anche tu che leggi rubando minuti al giorno,
tu che metti insieme pranzo e cena con fatica,
anche tu sei incanto, senza retorica.

 
 
 

Condividi post

Repost0
12 aprile 2018 4 12 /04 /aprile /2018 19:20

10

 

Cosa si può dire a uno che porta in giro le sue corna quasi con spavalderia?

Niente, chi siamo noi per disturbare la pace interiore di chi è così esteriormente tronfio della sua sfortuna?

Certo quel suo girare così contento è impressionante ma non invidiabile, questo si può dire.

 

 

 

Condividi post

Repost0
7 aprile 2018 6 07 /04 /aprile /2018 22:07

 

                               Ogni segno che poi si scolora,

la mia bimba che s’innamora,

il pianto di un figlio nella notte

e mia madre che si fatica la vita e la morte.

Un bisogno estremo di serenità

e il denaro che scarseggia sempre,

il pessimismo latente

e l’ottimismo forte nelle gambe.

Davanti al mare e capire pochissimo,

le spalle al sole perché da qualche parte si deve ricominciare,

il verso lungo e libero,

la testa sul cuscino

e a volte non ricordo le parole del Padre Nostro.

La tua voce al telefono fredda

come una notte d’inverno,

il vento che sbatte sulla mia finestra.

Le parole come pietre o piume

ogni cosa dipende,

le “scritte” sulla pelle

povere cose uniche che mi porterò dietro.

600 km . separano la mente da quello che il cuore davvero vuole,

stanotte poi domani per ricominciare,

un giorno alla volta e tutto fa meno male.

 

 

Condividi post

Repost0
3 aprile 2018 2 03 /04 /aprile /2018 18:26

Si cerca per tentativi
come un rimedio naturale
per certi dolori mattutini,
si cerca come una virgola
da mettere giusta
in mezzo alle parole,
nei giochi calmi dei bambini,
nell’onda lieve
che arriva sulla spiaggia.
Chi non vorrebbe, almeno per un momento,
essere sereno
come il fiore fiero che nasce dall’asfalto?

 
 

Condividi post

Repost0
31 marzo 2018 6 31 /03 /marzo /2018 17:01

Ho ancora tanta vita
tra le mani
da lasciare andare
come sabbia tra le dita
che altri hanno tra i denti.

 
 
 

Condividi post

Repost0
31 marzo 2018 6 31 /03 /marzo /2018 17:01

Squilibri vari
si alternano in noi,
quanto amore ancora c’è
nelle mani giunte
dal petto alle stelle.

 
 
 

Condividi post

Repost0
31 marzo 2018 6 31 /03 /marzo /2018 17:00


Siamo come piante secolari
che non sanno di esserlo,
abbiamo paura di tutto
eppure andiamo incontro
a ogni cosa.

 
 
 

Condividi post

Repost0
22 marzo 2018 4 22 /03 /marzo /2018 00:18

 

9

Mai idealizzare le persone, si va incontro a una delusione devastante.

Capita a volte che vediamo qualcuno per come vorremmo che fosse e non com’è nella realtà.

Lo costruiamo pezzo per pezzo a immagine e somiglianza di quello che crediamo giusto per noi.

Gli attribuiamo le qualità che vorremmo avesse, ma non ha, nemmeno ha la presunzione di averle.

Succede ai sognatori di idealizzare le persone anche i genitori, il partner, i figli.

È un incauto tentativo di cambiare la realtà quando non ci piace, quando non riusciamo, o peggio, non vogliamo cambiarla.

Sì, la delusione poi è devastante ed è solo colpa nostra.

Condividi post

Repost0
21 marzo 2018 3 21 /03 /marzo /2018 22:43

Mediterranea

 

Di sabbia e acqua di mare

di vento e spavento vulcanico

pigra e dolente.

Ti puoi fidare o scappare

ti puoi accomodare

dormire tra le mie braccia

come golfo

a contenere le onde

e il riposo delle barche.

Di sole

e l’inverno mi ammala,

di amore fatto e detto

cantato e perduto per sempre.

Di nervi scoperti

di figli andati e tornati

di padroni schiavi e libertà,

di sangue

e pane di fame

sazietà di coscienza

dignità di colpe nascoste male.

Di onestà

di giorni e notti

che devono pur passare

dentro i miei occhi

tra le mie mani.

Sono fatta di fumo

fuoco di passione e lamento

nero e avorio.

Tra cielo e terra

sempre migrante fra la mia stessa gente

Mediterranea.

 

Di Versi Sospetti  Monetti Editore 2016

 

 

 

Leggi i commenti

Condividi post

Repost0

Presentazione

  • : Blog di Maria Attanasio (di Napoli)
  • Contatti