Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog
31 maggio 2011 2 31 /05 /maggio /2011 08:20

Essenze di ieri
Ricordo colei
che dal giardino usciva
carica di rose
come da pensiero all'altro
caldo
di soave umanità.
Tra le ribelli ciocche
qualche verde foglia
le prime speranze
ed il crine d'oro scuro
caduta a colorarle.
Canaglia e ingiusto
quanto mai
l'aduggiarsi mesto
d'odierno sorriso
che non emana più
le sue fragranze
all'aroma puro
del bianco gelsomino.

Daniela Procida

Condividi post
Repost0
28 maggio 2011 6 28 /05 /maggio /2011 08:38

 

…perdono

 

Potrò mai perdonarmi

l’averti lasciata andar via

scivolando dai miei giorni

ora dopo ora e poi ancora,

 

io di notte ti tenevo la mano

e ne sento ancora il calore

ma stento a ricordare la tua voce,

impazzita giro nei ricordi

e qualche parola ancora mi arriva.

 

Potrò mai perdonarmi la gioia lieve

del sole sulla pelle in questo inizio di Novembre,

che porto dolci ai vivi

per onorare i morti come usa da noi,

lancio benedizioni

con nomi e cognomi

e maledizioni a volte

perché non sono poi così buona

come credevi,

e almeno questo non mi fa male.

 

Maria Attanasio

Condividi post
Repost0
27 maggio 2011 5 27 /05 /maggio /2011 08:19

 

 

 

 

Nel mio cuore

 

 

Sei tu

che passeggi nel mio cuore,

raccogli fiori e foglie cadute,

coriandoli e stelle filanti,

nani e ballerine,

Alice e le sue meraviglie,

rose e spine,bambini

e giovani donne innamorate.

 

Sei tu

che passeggi nel mio cuore

e incontri dame e cavalieri,

scacchi e tarocchi

e carte truccate,

cavalli volanti, asini parlanti,

nuvole di zucchero filato,

un pappagallo impagliato

e un cardellino innamorato.

 

Sei tu

che navighi nel mio cuore

ed ammiri polene e navi pirate,

segui le onde

ed a volte hai mal di mare

e credi sia amore

tutto quello che vedi,

che ti viene addosso

che ti perde ritrovandoti

come dopo un sonno agitato.

 

 

Sei tu

che cammini nel mio cuore

a passi svelti raccogli

pezzi di vetro e ne fai gioielli.

 

Maria Attanasio

 

Condividi post
Repost0
25 maggio 2011 3 25 /05 /maggio /2011 08:28

Impressioni

 

 

 

I banchi del mercato colorati

I fiori che si vendono sono stati traditi

E la bellezza effimera dei bulli di periferia

Gli avambracci scoperti e tatuati

Coi  sogni di viaggi mai fatti

E il Polo Sud è un’idea stramba

Per chi non ama l’avventura

E non farà mai nulla di così scontato

Da meritare funerali di stato

O lacrime stagionali

Come gelsomini oppure il glicine

Che non vuol  crescere sul  mio balcone

E c’è uno spreco di sogni

Anche nel mio nome

Se nulla è stato visto di quello che ho fatto

Quando innamorato cercavo spiagge

Di pietra lavica e sognavo ancelle

E bevevo alla sorgente con le mani a bicchiere

Senza sapere che potevo morire a vent’anni

Nel sudore di un’uniforme

Senza nemmeno il tempo di un pensiero

Come il Piero di una canzone

Che insegno ai figli

Per farli guarire.

 

M.Attanasio

Condividi post
Repost0
24 maggio 2011 2 24 /05 /maggio /2011 08:30

È come mettersi  dove non vuoi

In attesa  di sconosciuti amori

Che non hanno senso

Negli  occhi tra le mani

Sotto gli olmi e nei prati

Ma  passerà.

 

Maria

Condividi post
Repost0
23 maggio 2011 1 23 /05 /maggio /2011 08:33

Possiamo risvegliarci alla fondamentale bontà,che ci spetta di diritto.

 

Pema Chodron

Condividi post
Repost0
22 maggio 2011 7 22 /05 /maggio /2011 09:48

...

non vi capirò mai

ma non duole questo non capire

come un gioco di quando ero bambina

e non potevo avere

e c'era dentro me

un sentimento sconosciuto,

non lo sapevo ancora ma era già rassegnazione.

(ma se allora c'era anche il dolore

adesso mi accompagna una risata)

Condividi post
Repost0
21 maggio 2011 6 21 /05 /maggio /2011 08:15

da un dolore lontano

dal pianto di un bambino la notte

dai cani che girano in branchi e fanno paura

dai ricordi che proiettano films sul soffitto

ed io non ci sono

col braccio sugli occhi mi nascondo

 

 

dal parlare troppo di certi cicisbei di corte

da donne che vorrebbero il mio sangue

simile al loro

dai figli che hanno già preso tutto

il mio sangue

dall'amore che va e viene

e sembra una canzone di quando avevo vent'anni

ma non la ricordo più

 

dai fiori sul balcone

dal tempo che passa

e non pedona

così come lo specchio non mente mai

proprio ora

che avrei bisogno di un amico

che bevesse con me

ogni calice dolce o amaro.

 

Maria Attanasio

Condividi post
Repost0
20 maggio 2011 5 20 /05 /maggio /2011 08:23

...

 

 

 

Non ti dimentico

 

 

 

Lascerò tutte le luci accese

Le porte aperte

Come quando eri qui

E frutta fresca sul tavolo

Per la tua fame

Anche quando la tua assenza

Non mi darà pace.

 

(e non ho avuto mai

così paura di morire

come quando penso

che il mio nome

non ha più la tua voce)

 

Maria Attanasio

Condividi post
Repost0
19 maggio 2011 4 19 /05 /maggio /2011 08:26

 

 

Due cuori

 

 

 

Se il mio cuore

è così anatomicamente

simile al tuo

(penso a due cuori sani

e fortunati per questo),

quali parole potrei mai dirti

che tu non sappia già

magari in altre forme,

bestemmi o moduli la voce

seguendo la rabbia

o un ridondante dolore

per mettermi con le spalle al muro

ma non te ne andrai.

Se il mio cuore

è così simile al tuo

che potremmo sintonizzare

il battito durante l’amore

o dopo

quando niente è più in gioco

ed allora posso parlare

o tacere

e tu capire.

 

Maria Attanasio

Condividi post
Repost0

Presentazione

  • : Blog di Maria Attanasio (di Napoli)
  • Contatti