Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog
10 settembre 2011 6 10 /09 /settembre /2011 06:28

Mi espongo ad un declino insolito

anche per un vivente incallito,

ieri sera ci siam mangiati tutte le virgole

ci credo poi che non riesco a dormire

ed io maledico l'insonnia che mi priva dei sogni

dei vivi e dei morti

che in un empireo mio soltanto

mi aggiornanano sul mondo.

 

Brucio di solitudine

perchè ogni amico è mio soltanto,

invece alla gente piace vivere circondata

da altra gente che quando parla sputa.

Almeno dicessero cose sensate

senza sbagliare i verbi

perchè i concetti chi glieli tocca

a questa massa di balordi

pieni d fede nell'amore per il prossimo,

anch'io lo amo,

ma che non mi stia troppo addosso.

 

In questa valle oscura mi espongo ad un declino insolito

che vuoi che sia se dopo ci sarà Luce

e sarà per tutti ,altrimenti senza perdono

c'è un altro disoccupato in giro,Dio.

Per ora amici perdenti quanto me

o vincenti come non sarò mai,

toglietemi il fumo dagli occhi

chè possa vedere almeno su qualche volto

lo sconforto.

 

 

Sottovento x Maria Attanasio

Condividi post

Repost0
10 settembre 2011 6 10 /09 /settembre /2011 06:14

bestemmie

 

Questo è la mia prima raccolta di poesie Bestemmie & Preghiere che parteciperà al concorso

 

ilmioesordio.it .

Non mi interessa vincere,nemmeno ci spero,non ho mai considerato le mie poesie come cavalli da inserire in qualche corsa,poi vinca il migliore o il più dopato.

Io ho sempre scritto per vivere un'altra vita.

Quella che scrive non è la stessa persona che si occupa della famiglia,di tenere insieme gli scampoli del suo fisico.ormai in lento declino.

Quella che scrive è solanto una persona che crede ancora che al principio fu il Verbo,poi sono seguite milioni di parole inutili.

 

sottovento

Condividi post

Repost0
9 settembre 2011 5 09 /09 /settembre /2011 13:05

elena--e-tommy.jpg

 

Questo è per me il più grande spettacolo dopo il BIG BANG.

Elena e Tommaso vestito da W l' ITALIA!

Condividi post

Repost0
8 settembre 2011 4 08 /09 /settembre /2011 08:06

Mi è dispiaciuto molto che nessuno ,oltre me ,ricordasse l'anniversario della morte di Daniela Procida,che pure sembrava aver lasciato in tutti gli altri poeti amici un segno indelebile.

Ma io e Tinti ci siamo e ci saremo sempre,finchè avrò respiro ci sarà nella mia testa matta un pensiero per Dani.

Finchè potrò scrivere io parlerò di lei.

La mente degli umani è così labile,credevo in quel poco di stabilità dell'anima del poeta.

Oggi credo che a parole siamo tutti buoni,i migliori di noi so quelli che sistemano le virgole e si danno regole ferree per vivere un giorno in più,maledetto magari,ma comunque in più.

Grazie e godetevi il tè,vi prego senza strozzarvi.

Io vado a studiar grammatica ed a pescare rime...

 

 

 

 

Sottovento

Condividi post

Repost0
7 settembre 2011 3 07 /09 /settembre /2011 08:01

Napoli.jpg

 

Quante sono le stelle,cuore,

ora lo sai,

hanno il nome di tutti i figli

negati al mondo per troppa fretta di avere tutto.

Dimmi lo sai

che il tempo non esiste più,

o forse sono io che non lo riconosco

questo frantumarsi di lancette

in secondi minuti ed ore

fino ad arrivare

alla bocca del lupo.

 

Sotto il cielo della città ,

che ti ostinavi ad amare,

hanno sporcato tutto:

passato e presente,

non ci resta che il futuro

tutto da inventare,

come sogni tra le nuvole

e pianti inesistenti

e catene che strisciano,siamo tutti

un po' fantasmi di noi stessi.

 

AH,Vulcanella mia

sapessi quanto dolore poi un po' si addolcisce

ma solo un poco,

quello che il destino ci ha tolto

verrà restituito in altro modo,

è l'unica speranza che guida un piede dietro l'altro,

e tu occhi di fuoco e capelli al vento

mi mancherai

per tutti i giorni che ancora

ci saranno in questa vita.

 

 

Maria Attanasio per Daniela Procida.

Condividi post

Repost0
6 settembre 2011 2 06 /09 /settembre /2011 08:11

319044_10150359390421357_183047736356_10288216_1074805_n.jpgLiberate Francesco Azzarà

 

 

 

 

Sottovento

Condividi post

Repost0
5 settembre 2011 1 05 /09 /settembre /2011 11:53

L’albero dell’invidia

 

 

 

Ha radici profonde

l’albero dell’invidia,

di quelle che spaccano la terra

sollevando enormi zolle.

 

Pensandoci  bene,

potreste seppellirvi

senza ulteriori spese

per la mia tolleranza

che pure

per dignità personale

deve avere un limite.

 

Se come poeta  sospettassi

la perfezione dei miei versi,

somiglierei troppo a tutti voi Maestri

sulle cattedre sbilanciate

dall’età e dai pregiudizi,

e sono già quarant’ani che vi fuggo

adesso ho il fiato corto.

 

C.Altieri

Condividi post

Repost0
4 settembre 2011 7 04 /09 /settembre /2011 04:03

 

 

 

PS:Tinti che torna a scrivere ritrovando la sua verve migliore,è una delle più belle cose che potesese accadermi in questa fine estate,Maria.

estate.

 
 
 
C'era una volta
  
una bambina riccia
smilza e curiosa
di lucertole e ragni
tesseva fili d'erba
con raggi di sole
grano e stelle in  cesti
accanto la notte
ma era sola
lasciata
per altro
  
mescolata
tra sassi.
  
Lei era ignara e felice
d'esser così unica
in quel  prato di papaveri.
  
  
Oggi donna sola
non tesse nè prega
si guarda paure
le osserva e le teme
le lancia attorno e
il mondo intriso e
dolente
le caccia
sul viso rigato.
 
 
Dove'è quella bambina
felice?
 
Occorrono secoli
d'ansie e ritorni
abbracci a iosa e carezze baciate
per vedere anche solo
i suoi capelli
scomposti in onde
di Maggio.
 
Tinti Baldini
 

Condividi post

Repost0
3 settembre 2011 6 03 /09 /settembre /2011 11:54

 

3481013


Guardando , a colpo d’occhio,  la copertina della silloge di Maria . rossa con le scritte in bianco e quella foto mi sono detta che non c’era titolo migliore ,: quella bimba(Maria stessa) che quasi salta fuori dalla finestra è pane pulito di ieri nell’oggi ,è curiosità mai paga , è vita.. Non sarebbe stato male neanche Attanasio perché sono tutte quelle “a “piene che fanno Maria , donna colma d’amore.

Il prologo è  stato poi per me un ritrovarmi e ritrovarla perchè anche io sono sola e ancora viva  nonostante.. ma ora non so raccontare mentre e Maria si, senza veli né orpelli , nuda e tersa d’acqua di fonte.

Poi passando ai versi non mi riesce di commentare alcune poesie e  lasciare altre ma solo di estrapolare , masticare e farvi sentire ,magari in modo raffazzonato ma molto sentito quello che io ho provato leggendole .Quel sentirsi in guerra anche se il cuore è tenero di burro , immenso come la foresta  , quell’ aver bisogno di schernirsi e difendersi ,”umana da morire”è l’essenza di tutto , mi appartiene e credo appartenga a molti di noi che , con le parole in gioco , cerchiamo di afferrare il senso del vivere. Le liriche alla madre amata e tenuta dentro  come una perla preziosa sono di grande spessore ma alcuni pensieri vanno oltre , prendono corpo mentre li scorri come ..”sospetto che mi giri intorno folletto dispettoso …” di tal tenerezza da piangere , quelle all’amore (anche se l’amore c’è in ogni verso di ogni poesia) come Al dio d’amore o Amore ancora sono fiumi in piena e traboccano di dolore , di bisogno di pace nel mondo e di dolcezza infinita, permeate spesso  d’intenso bisogno ,quasi logorante di imparare a perdonare che è l’unico modo di amare veramente. e di farsi riconoscere in carezze sul viso che cambia. Le persone care ancora qui con lei o quelle che se ne sono andate vengono viste  sempre con un tocco intimo( Bea,Dani,Marcello ,Tino ,Claudio ,Zilla) , personale , inaspettato a volte  come la poesia a Baldini (Tinti quindi ) o alla mia stupenda Alice. Lei sente l’altro come se fosse dentro di lei  e fa suoi amori ,sofferenze ,lutti, gioie e desideri reconditi ,tanto è grande il suo cuore. Mi manchi , non si dimentica  e oblio sono per me , per come ora mi sento , i versi che avrei voluto scrivere , sono uno sguardo oltre pulito ,sincero ,incapace di fingere   con uno stile maturo , molto personale ,fluente tanto da  liberare  l’immaginario .”fatti da parte e lascia che passi il corteo del mio dolore….” Molto avrei ancora da dire  ma le parole ora appartengono a Maria , sono il suo pane di Lorenza e vanno gustate, assaporate e macinate con cura senza perdere neanche un a capo perché solo così si diventa migliori :Grazie cuore.

Tinti

Condividi post

Repost0
2 settembre 2011 5 02 /09 /settembre /2011 10:14

+

tommaso nel passeggino chicco

 

 

 

Oggi sono particolarmente incazzata,allora ,onde evitare di fare guai,godiamoci insieme questa dolcezza di bimbo che almeno non  mi aumenta la glicemia e mi calma i nervi.

Un bacio  a tutti in particolare a Tinti e a Rosetta.

 

 

 

 

Sottovento con calore afoso e noioso.

Condividi post

Repost0

Presentazione

  • : Blog di Maria Attanasio (di Napoli)
  • Contatti