Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
21 maggio 2010 5 21 /05 /maggio /2010 08:20

...

 

 

 

 

 

 

 

Appassionata

 

 

D’estate fuori al balcone

seduta ai piedi di mia madre

un caldo oleoso mi attraversava

come il rumore delle Vespe giù in strada

e la televisione invadente dei vicini,

il sonno arrivava piano piano

insinuandosi tra le pieghe della giornata

ma io non cedevo,non potevo perdere

nemmeno un istante

di quel giorno che era stato mio,

del lento parlare di mia madre,

nemmeno il silenzio che allora non sapevo pesante

delle cose non dette,volevo perdere.

Allora non lo sapevo

che il tempo scorre lento solo a giorni

che sono veloci gli anni

soprattutto quelli che non ti senti addosso

o fingi di aver smesso

come vestiti ormai vecchi.

Io pensavo alla mia vita

come un cerchio già chiuso

con me seduta ai piedi di mia madre

in quell’istante  che era il mio “sempre”

tutta la mia gioia tutto il mio dolore

di un futuro che non sapevo immaginare

appassionata com’ero delle parole

che mi crescevano dentro ma poi non sapevo dire.

 

 

 Maria Attanasio

Condividi post

Repost 0
Maria Attanasio di Napoli
scrivi un commento

commenti

Francescafutura 05/30/2010 22:19


Bella, e molto coinvolgente. Credo che le madri leggano dentro i figli, loro le sanno le parole non pronunciate.
Grazie

frantzisca


Domenica Luise 05/22/2010 01:19


Che bella poesia, nitida, armoniosa per forma e contenuto, piena di sentimento ed espressa con grande naturalezza.


tinti 05/21/2010 14:08


Ora quelle parole che crescevano dentro le sai dire...Ciao cuore.Tinti


Presentazione

  • : Blog di Maria Attanasio (di Napoli)
  • Contatti